venerdì 27 dicembre 2013

Chiusa “Sovversi”, una delle migliori mostre d'arte del 2013. Chiudi la bocca, guarda e... impara

Viviamo di luoghi comuni. Ci riesce di una facilità estrema perché un luogo comune evita di contestualizzare e di teorizzare. Sta lì, come un dogma scolpito nel cuore vivo del marmo. Quando con il gruppo di uttiani (tanto stanco di luoghi comuni da averli banditi perfino negli auguri di buone feste), siamo arrivati a Colonnella per una visita "privata" alla mostra “Sovversi”, conoscendo una parte degli artisti espositori e i due scrittori (Daniele De Angelis e Alessandra Morelli) che ne hanno scritto le note a commento, sapevamo esattamente cosa ci saremmo trovati di fronte: opere di giovani artisti che, sapendo di essere artisti e non solo giovani, ci hanno fatalmente emozionato al di là di ogni connotazione teorica.

domenica 22 dicembre 2013

AVGVSTO. La mostra alle Scuderie del Quirinale

Moriva a Nola il 19 agosto del 14 d.C., Gaio Giulio Cesare Ottaviano, Imperator Augustus: nella celebrazione del bimillenario, i marmi confluiti da grandi musei del mondo e da prestigiose collezioni private alle romane Scuderie del Quirinale per questa superba mostra, raccontano il fascino ambiguo di una stagione politica nata dal sangue delle guerre civili e dal colpo di stato che ne segna la fine: il secolo d’oro della controversa pax augusta, pace ferrea che “ricompone una patria dai frantumi delle guerre civili” creando “dal caos un ordine non esaltante ma duraturo e possente” (L.Canali).

mercoledì 11 dicembre 2013

Anche i gatti impazziscono per UT. Nasce il "GattUT Club"


La soriana Pupa si precipita al Soriano per la presentazione di UT


Winnie, benché non soriano, si dispera per non aver 
partecipato alla presentazione di UT


sabato 7 dicembre 2013

Tre scatti d'autore per una magnifica presentazione. Le foto di Dante Marcos Spurio




UT ringrazia tutti gli intervenuti, l'Antico Caffè Soriano per l'ospitalità e l'Azienda Agricola Falleroni per la sponsorizzazione "tecnica" (wine&beverage).



giovedì 5 dicembre 2013

Il Wine&Beverage uttiano. Venerdì 6 dicembre, ore 18.00, Caffè Soriano. Solo con noi...


Azienda Agricola Falleroni
La dispensa del contadino

“Sovversi”. Il palazzo Pardi di Colonnella ospita la prima esposizione

Chiudi la bocca e guarda” è l'invito sovversivo della mostra, patrocinata dal Comune di Colonnella, che verrà inaugurata domenica 8 dicembre 2013 a partire dalle ore 18.30. presso palazzo Pardi, piazza del Popolo. Dj set e degustazioni dei vini del territorio.
Evitare le vie già battute dei manifesti estetici. Non limitarsi alle strade del mercato. Avanzare nuove realtà e concezioni che facciano dell'eterogeneità e dell'ibridazione, le modalità di un agire artistico propositivo e aperto all'incontro. La collettiva Sovversi, che vede in mostra Lorenzo Aceto, Paola Angelini, Lorenzo Bartolucci, Hernan Chavar, Luca De Angelis, Luca Farina e Giorgio Pignotti, dal'8 al 22 dicembre 2013, è la messa in atto di questi presupposti. I “Sovversi”, invadono uno spazio atipico, quello di Palazzo Pardi e propongono la pluralità dell'attuale arte figurativa come mezzo di indagine. L'arte è esposta in maniera diretta ed essenziale, senza impalcature teoriche. E' un invito per lo spettatore ad osservare e sopratutto riflettere.

sabato 30 novembre 2013

Corrispondenza da San Pietroburgo. Servizi sociali russi con vista sulla Neva

Buongiorno, io saluta di mia cità di Sankt-Peterburg e vuole dire qualchi picola impresione su quelo chi io legge in vostre gazety e internetu.
Mi molto impresiona imagini di ultimo komitsiyo di Burleskon in Piaza di Plebiscito a Rim. Lui uguale come pupazo di Museo di cere di M.me Tussauds: tuta sua facia tirata con botoks e sue parole come di vero delirio. Genti chi sventolava bandiere di Forsitaglia, in interv’yu di zhurnalisty no sapeva dire perché era venute: loro veniva di Calabria e di altre regioni in autobusy ma no sapeva cosa era “decadenza” chi se votava in Senat, solo agitava bandiere per sembrare chi era di più!
E tute “amazonka” di Burleskon era in Parlament vestite di nero uguali, come di lutto; uomini e donne di sua partiya tuti dice stese cose con stese parole, come bambini in recita di Natale: chi lui innozent, chi protsessy è grande komplot contro suo leader.

martedì 26 novembre 2013

“Romeo and Juliet” fra l'oro e la porpora del Teatro dell'Opera di Praga. La “lettura” di Petr Zuska (nostro servizio)

Praga. Tanto rutilante l’interno “secondo rococò” del Teatro dell’Opera di Praga, splendente di oro e porpora, quanto minimalista e quasi nuda è la scena su cui si alza il sipario di questo “Romeo and Juliet” di Prokofjev, coreografia e regia di Petr Zuska, direttore del Corpo di ballo del Teatro Nazionale di Praga.
La lettura che Zuska ci porge della tragedia shakespeariana gioca sugli opposti o, come recita la brochure, sulla polarità (“Romeo, Juliet and… polarity”): uomo e donna, morte e vita, odio e amore. L’essenzialità della cornice prepara già, per contrasto, il gioco potente delle passioni in campo. La figura di Lorenzo apre il primo quadro: il frate è solo, su una scena nuda, apparentemente al di là del tempo e dello spazio; l’ombra della tragedia aleggia nell’aria, egli avverte che qualcosa sta per accadere, qualcosa che lo sovrasta e che non è in grado di controllare. Alle sue spalle una nera parete che nell’aprirsi disegna una silhouette femminile quasi in stile cubista: incede da quell’apertura, figura ieratica e lucente nel bianco di cui è vestita, Queen Mab, regina del regno dei Sogni e delle Ombre.

lunedì 25 novembre 2013

Pochi secondi di grande fascino. Teodosio Campanelli: "Un taglio alla fontana"


C'è un Fontana nella fontana, uno di quei tagli profondi che aprono prospettive e che hanno segnato la storia dell'arte contemporanea. Quello di Teodosio Campanelli è solo un brevissimo filmato, fino a un certo punto quasi un'istantanea. Se ne apprezza la qualità tecnica, l'essere riuscito a “tagliare l'acqua” andando contro ogni legge della natura, quelle imparate a scuola durante l'ora di fisica. Ma poi arriva la barchetta di carta e tutto cambia. L'acqua apparentemente immobile, si anima di una presenza viva che, lenta e barcollante, si avvia verso il baratro: sotto c'è il nulla. Solo che invece di sprofondare, la barchetta sbatte e riprende il viaggio. Chiamiamola metafora ma in fondo la vita è come quella barchetta che sbatte, non affonda, non si ferma, gira su stessa e va. Come si fa, come si dovrebbe, com'è la vita vera.

Massimo Consorti

sabato 23 novembre 2013

Un viaggio a Praga emozioni incluse. Before I die I want to…

Novembre 2013. Praga, Kampa Park. Il muro in mattoni divide i viali ben curati del parco dall’argine della Vltlava, per noi Moldava: trasformato in sorprendente lunghissima lavagna a cielo aperto, invita la fantasia dei passanti a interrogarsi su cosa vorrebbero prima di morire. Before I die I want to, Předtím než zemřu, chci… (Prima di morire, voglio…).
Si confondono sovrapponendosi le risposte scritte col gesso, cancellate, riscritte, ricancellate. C’è chi vuol “Visit Jerusalem”(!), chi vuol abolire il capitalismo (“Odstranit Kapitalismu”), i meno fantasiosi vorrebbero dirle-che-l’amo e altro di non riferibile in fascia protetta…

Biennale di Venezia. Macerie biennalesche o della contemporaneità? Il padiglione spagnolo

Il Padiglione della Spagna quest’anno ha dato la possibilità ai cronisti di sbizzarrirsi con immagini e testi d’effetto sui cumuli di rovine esposte all’interno dell’edificio degli anni venti ai Giardini. L’ideatore di tali installazioni è Lara Almarcegui (Saragozza 1972) che ha costituito cumuli di diversi materiali edilizi, corrispondenti per tipologia e misura agli stessi che furono impiegati per erigere l’edificio stesso ospitante. Una grande montagna, costituita da detriti di cemento, tegole e mattoni trasformati in ghiaia occupa la sala centrale, rendendo virtualmente impossibile l’accesso diretto a questo spazio. Altre montagne più piccole, fatte ciascuna di un solo materiale (segatura, vetro e una miscela di scorie e cenere d’acciaio), sono poste nelle sale perimetrali, dove il pubblico può circolare attorno al cumulo principale. Come indica l’artista: “i materiali provengono da resti di demolizioni che, dopo essere stati sottoposti a un processo di riciclaggio, sono stati trasformati in ghiaia attraverso il sistema di trattamento dei materiali attualmente utilizzato a Venezia”.

venerdì 22 novembre 2013

Biennale di Venezia. Il dolce silenzio del Padiglione Canada

Il silenzio può avere una musicalità? Esiste una colonna sonora che preveda l’assenza di onde fatte di note e tonalità? Senza dubbio è la contemporaneità che ha bisogno di un supporto sonoro per il silenzio e quindi la risposta sembrerebbe scontata ma in realtà non lo è, perché il silenzio può avere una musica attribuibile da ogni essere umano in base allo stato d’animo vissuto. Da questo concetto iniziale il Padiglione del Canada alla 55. Biennale di Venezia, in questi ultimi giorni a disposizione, si traveste con un allestimento site specific ideato e prodotto dall’artista dell’Ontario, classe 1972, Shary Boyle dal titolo “Music for Silence”.

giovedì 21 novembre 2013

Stanze per Lorenzo Lotto. Francesco Scarabicchi a Loreto


                                                                    


TESTIMONI DI VIAGGIO E DI BELLEZZA

domenica 1 dicembre 2013 alle ore 17.30
al Museo-Antico Tesoro di Loreto (AN)

avrà luogo la presentazione del libro di

Francesco Scarabicchi

con ogni mio saper e diligentia. Stanze per Lorenzo Lotto

edito da Liberilibri

Insieme all’Autore, intervengono
Mons. Giovanni Tonucci, Arcivescovo Delegato Pontificio di Loreto
Vito Punzi, Curatore del Museo-Antico Tesoro


L’incontro è promosso dalla Delegazione Pontificia Santuario della Santa Casa, in collaborazione con il Centro Studi Lauretani,
l’Assessorato alla Cultura del Comune di Loreto e la casa editrice Liberilibri.



Ingresso libero.
A seguire, rinfresco presso il Caffè Bramante.

mercoledì 20 novembre 2013

Gli autori di UT "Le mani" - n. 4/2013

Le mani in 3D di Giuseppe Piscopo



Chi ha scritto per UT Le Mani, n. 4/2013:
Massimo Consorti, Giarmando Dimarti, Rossella Frollà, Enrica Loggi, Alceo Lucidi, Mariagrazia Maiorino, Bianca Maria Massi, Michaela Menestrina, Alessandra Morelli, Antonella Roncarolo, Chiara Tremaroli.

Le Immagini sono di:
Emilio Patalocchi (l'Opera), Francesco Del Zompo (l'Oggetto pensante), Dante Marcos Spurio (la Fotografia), Giuseppe Piscopo (la Vignetta)  

Per prenotare la vostra copia scrivete o telefonate a:

delzompo@poliedrodesign.it
lutteratura@edilandeditrice.com
0735.82099 – 335.409252 (Francesco)




UT4... compie i numeri. Tanti auguri a tutti noi...


Il Two Step di Francesco Del Zompo

Celebrazione di un traguardo importante con il tema "Le mani". Non prendete impegni per venerdì 6 dicembre, festeggeremo. Intanto prenotate la vostra copia:

delzompo@poliedrodesign.it
lutteratura@edilandeditrice.com
0735.82099 – 335.409252 (Francesco)


Ricordiamo che prenotando UT telefonicamente o per email, la rivista potrà essere acquista a 10 euro anziché 15. L'offerta è valida fino al giorno della presentazione, venerdì 6 dicembre 2013 (notizie più dettagliate a breve).

venerdì 15 novembre 2013

UT4... compie i numeri. Tanti auguri a tutti noi...


L'One Step di Francesco Del Zompo

Celebrazione di un traguardo importante con il tema "Le mani". Non prendete impegni per venerdì 6 dicembre, festeggeremo. Intanto prenotate la vostra copia:

delzompo@poliedrodesign.it
lutteratura@edilandeditrice.com
0735.82099 – 335.409252 (Francesco)


Ricordiamo che prenotando UT telefonicamente o per email, la rivista potrà essere acquista a 10 euro anziché 15. L'offerta è valida fino al giorno della presentazione, venerdì 6 dicembre 2013 (notizie più dettagliate a breve).

martedì 12 novembre 2013

Al nostro collaboratore Emilio Patalocchi il Premio della Giuria al CON/CONCORSO Buenos Aires Milano 2013. L’arte come protesta nella 'società del frammento'

Anas War Experience
Una pittura dai toni brillanti e dal contenuto colmo di amaro sarcasmo, pervaso da un lancinante ghigno di derisione. L’artista gioca con le nostre identità, con i nostri miti consumistici, presentando un’umanità frammentata, isolata, agghiacciante, ma in fondo grottesca, ridicola, che ha perso il senso del suo esistere ed è incapace di dire perché sia lì e cosa realmente ci faccia seduta a tavoli ingombri di cose quotidiane e macabre, sporche di sangue o di rifiuti. Bottiglioni, coltelli, mannaie, lattine di bibite killer e ritagli di foto porno, banconote e carte da gioco, oggetti quasi messi all’incanto sui tavoli dell’attualità, insieme con le persone vendute anch’esse inconsapevolmente all’asta dell’esistenza.

lunedì 11 novembre 2013

Gli eventi della Scuola di Musica Giocondi. I batteristi John Macaluso e Marco Lancs Lanciotti al Tamburo Day


John Macaluso non ha bisogno di presentazioni: si tratta senza ombra di dubbio di uno dei più apprezzati ed influenti batteristi nel panorama rock, progrock e metal.

Dialogo del tifone Haiyan e di un Filippino. Libero saccheggio dalle “Operette morali” di Giacomo Leopardi

Ma ora che [gli uomini] sono tutti spariti, la terra non sente che le manchi nulla, e i fiumi non sono stanchi di correre, e il mare, ancorché non abbia più da servire alla navigazione e al traffico, non si vede che si rasciughi… E le stelle e i pianeti non mancano di nascere e di tramontare, e non hanno preso le gramaglie…”
[Giacomo Leopardi - Dialogo di un folletto e di uno gnomo]

Tutti a Wigtown, la capitale mondiale del libro: mille abitanti, 11 librerie

Per carità, nessuna analogia. Da italiani maturi e consapevoli, ci siamo stancati dei raffronti-confronti con altri paesi, nazioni e città. Viviamo alla giornata fieri delle medie mondiali che ci assegnano l'ultimo posto in una non ideale classifica di lettori di libri ma anche di giornali.

venerdì 8 novembre 2013

Biennale di Venezia 2013. Gli ultimi passi: il Vetro d’Arte non “stressa”

Richiamando la matematica, nell’isola di Murano a Venezia esiste una formula che rappresenta il futuro per la secolare Arte di creare il vetro. Antichi metodi e insegnamenti stanno alla base per il futuro di una nobile materia plasmata dall’uomo. Concetti che ruotano a una sommatoria reale indicante l’originalità di un prodotto inimitabile:
vetro d’arte + sapienza muranese + artisti internazionali = Glasstress.

giovedì 7 novembre 2013

Ultimi passi alla 55. Biennale di Venezia: il laboratorio di Sze al padiglione degli Stati Uniti

Il Padiglione degli Stati Uniti alla Biennale di Venezia dall’anno della premiazione di Robert Rauschenberg avvenuta nel 1964, che consacrò il filone della Pop Art e dei mercanti americani, ha lasciato nel tempo il dubbio su possibili interpretazioni commerciali. Tali tendenze nel corso degli anni, a onor del vero, si sono viste più nel Padiglione ex Italia (o Centrale, o La Biennale) e lungo le Corderie dell’Arsenale, rispetto ai contenuti proposti dall’edificio del 1930, di struttura pseudo palladiana, sede Usa.

domenica 27 ottobre 2013

Ciao Federico. La mostra-omaggio di Giuseppe Di Caro a Fellini e al cinema italiano

Quello esposto è il cinema italiano “nobile”, le pellicole con la griffe di Federico Fellini, Mario Monicelli, Dino Risi, Ettore Scola, Alberto Sordi e Carlo Lizzani. Cinema indimenticabile, il nostro, che prima di Checco Zalone e Alessandro Siani, aveva sempre qualcosa da dire e immagini incancellabili da mostrare. Ma così è la vita, e si trova sempre qualche critico pronto a certificare che le scemenze sono il futuro. Il vernissage di Giuseppe Di Caro (uno dei reporter ufficiali del David di Donatello), nei locali della meritoria associazione culturale “Artes & Co” di San Benedetto del Tronto, è coerente con quelli “romani” degli anni Sessanta e Settanta: presentazione dell'evento all'ingresso, musica dal vivo che parte al taglio simbolico e virtuale del nastro, primi “oh” alla visione delle opere esposte, cameriere che gira con un elegante vassoio al posto del solito, scontato e poco dignitoso (considerati gli assalti), tavolo del buffet.

lunedì 21 ottobre 2013

Archeologia a pezzi. A rischio la Scuola Archeologica Italiana di Atene

Insieme per salvare la Scuola Archeologica Italiana di Atene che è a rischio chiusura. Una petizione invita il governo a riflettere sull’austerità. Erano 15 dipendenti, ora sono 9. Parliamo dell’unico centro di ricerca italiano all’estero. La SAIA, acronimo di scuola Archeologica Italiana di Atene, ha sempre avuto studenti e ricercatori e con 24 camere e 50.000 libri in biblioteca, concorrente di istituzioni analoghe della Germania, Usa, Francia.

Christian Meyer & Ellade Bandini: “Quando il piatto ride”. Meglio di un concerto alla Scuola di Musica Giocondi

Chissà perché. Appena sono entrati, ho pensato subito a uno di quegli entusiasmanti incontri di tennis degli anni ’70 sul rosso centrale del Roland Garros. Anche se uno solo dei due potrebbe fare il tennista professionista, e le bacchette non erano racchette (che ai tempi erano ancora di legno), e non sono volate palle ma, quasi, piatti… Ma poi, loro non hanno fatto partita. E’ stata una gustosa, lunghissima e crescente esibizione di abilità e funambolismi, non solo sonori.

domenica 20 ottobre 2013

UT sulla "Walk of Fame" [grazie alla fantasia di Giuseppe Piscopo]


Ci siamo anche noi. Accanto alle impronte delle mani di John Wayne e di Alfred Hitchcock, di Gary Cooper e di Marilyn Monroe, c'è la mitica copertina di UT. Un risultato che né Rolling Stones né Variety né Le Cahiers du Cinema né Life del New York Times hanno ancora raggiunto. La prima rivista al mondo a essere stata stampata nel cemento più famoso dell''universo spettacolistico'. Un sogno che siamo riusciti a realizzare grazie alla fantasia di Giuseppe Piscopo. Ale!

sabato 19 ottobre 2013

La “London” colorata di Stefano Taffoni. La collettiva fotografica in Palazzina Azzurra

Non sono mai stata a Londra, ricordo “Penny Lane” dei Beatles e “…there beneath the blue suburban skies”, che è un verso di quella meravigliosa canzone, e potrebbe fare da colonna sonora a queste foto, dove appaiono cieli suburbani accanto a panoramiche della City e i personaggi in mostra evocano bene uno humour che è lo stesso che si sente nella canzone… Vengono fuori “visti per il ricordo”, in un florilegio che ripercorre uno sguardo carico di stupore, per cui si va tra mirabilia e minimalia nel “mood “ di questa città,

lunedì 14 ottobre 2013

The ballad for Renzo Piano. Spazio a un giudizio diverso


Piano Pianissimo. Quasi muto.
Sarà l'età, saranno i soldi, sarà il successo. Sarà il Senato.
Forte retorica
Prudenza
Snervante bon ton
Bellissimo sì, bravo il trucco
Discorsi col trucco
Viva l'Italia
Viva i giovani
Viva la bellezza...
Tutti così, anche tu?
Non sei più il Piano di una volta
Anche la Yamaha fa i grattacieli
Almeno tu dovevi smettere
L'altra sera sei stato uguale a Fazio, elegante e invertebrato
Inutile ormai.
A me, non m'incanti.

Pier Giorgio Camaioni

Christian Meyer e Ellade Bandini da Giocondi Strumenti Musicali. "Quando il piatto ride", giovedì 17 ottobre.

Quando il piatto Ride” è un progetto che vede Christian Mayer ed Ellade Bandini esibirsi in un entusiasmante show portato sui palchi italiani da diverso tempo, un esempio di come, pur trattandosi di eccellenti musicisti e grandi professionisti riescono a coinvolgere in modi sempre diversi ed esaltanti qualsiasi pubblico presente. Ellade Bandini, all'età di 4 anni riceve come regalo di Natale una piccola batteria giocattolo: da qui comincia il suo interesse verso lo strumento, che continua poi intorno ai 15 anni con alcune lezioni presso il maestro Raoul Ferretti. A 16 cerca di assimilare i principali "trucchi del mestiere" guardando il batterista Giorgio Zanella, mentre la carriera vera e propria la inizia l'anno dopo, a 17 anni, suonando a livello professionale con alcune orchestre nelle sale da ballo e night club di tutta Italia: è in una di queste orchestre, quella del maestro Ugo Orsatti, che Bandini suona per la prima volta con il bassista Ares Tavolazzi.

domenica 13 ottobre 2013

Le inchieste di Sara Josefovskaja, la nostra corrispondente da San Pietroburgo. "Ho visto un russo. Lettera al sindaco Kasparov"

Buongiorno, sindaco KasparovIn mia cità di Sankt-Peterburg, io sempre legge vostre gazety chi raconta di cose inteligenti chi tu fa per Sankt-Benedikt: oggi veline di tuo Municipalitet dice chi tu felice per molto numero di turisti venuti di Rossiya in vostra citadina. Gazety perfino parla di “invasione”: alora io no capisce perché di estate io ero lì da voi e io molto cercato qualchi citadino russkiy per fare bela conversazione in mia lingua, ma io no trovato nesuno, per tuta estate!

giovedì 10 ottobre 2013

Alice Munro e il "premio dei premi". I racconti brevi di UT: piccoli, silenziosi Nobel

Quando l'attesissimo conferimento del Nobel 2013 alla Letteratura poco fa ha avuto un nome, ho pensato a un basket di sorrisi spontanei.
Quello della vincitrice prima di tutto. Lei Alice Munro, canadese, classe 1931, avrà sorriso ascoltando il messaggio in segreteria. Nessuno l'ha trovata oggi, prima dell'annuncio ufficiale, questa bellissima signora dai capelli corti, canuti, tenuti a bada dal vezzo originale di un cerchietto nero.

Il Trio Lennon (Luca Marziali, Alessandro Culiani e Roberto Molinelli) in concerto a Iesi.


E' tutto scritto sulla locandina. Chi può vada. Concerto imperdibile

martedì 8 ottobre 2013

“Rush” di Ron Howard. Il bello e la bestia

E’ vero.
Il film è piacevole e si esce dalla sala soddisfatti di aver trascorso due ore in compagnia di ottimi professionisti del cinema e di una bella storia. Ma basta così poco perché un film sia definito una buona opera artistica? Se sei un fan della Formula Uno o se, come me, hai vissuto quegli eventi sportivi incollata per ore al teleschermo a fianco di tuo padre e tuo fratello, il film non può che appassionarti ed emozionarti.

lunedì 7 ottobre 2013

“Ho dentro il mio paese”. Omaggio a Pericle Fazzini nel Centenario della nascita. Giarmando Dimarti, a dispetto del tempo

Ho dentro il mio paese”, annotava Pericle Fazzini e di certo “le piante, il vento, gli ulivi, il mare” non lo hanno “lasciato”. Il suo paese sì, forse Grottammare non l’ha mai accolto davvero, neanche da vivo.
Dev’essere così, se il suo “Ragazzo con i gabbiani” posato sullo scoglio in riva al mare suscitò, per quel sedere nudo, più d’un mugugno tra le intemerate schiere del bacchettonismo locale; se l’incuria di oggi

Federico Fellini. La mostra di Peppe Di Caro per i vent'anni dalla morte

Federico Fellini a 20 anni dalla sua scomparsa. Il titolo della mostra è "Ciao Federico" un saluto che tanti collaboratori, amici e colleghi hanno rivolto al regista accettando di posare per Giuseppe Di Caro conosciuto in città come docente di fotografia presso il Liceo Artistico di Ascoli Piceno.

sabato 5 ottobre 2013

Carlo Lizzani come Mario Monicelli. Il gusto un po' folle di volare

Si è buttato dal terzo piano della sua casa, quartiere Prati, Roma. A 91 anni, dopo una vita trascorsa nel e per il cinema, Carlo Lizzani ha deciso di andarsene volando. Ha lasciato un biglietto ai figli e poi via, giù dalla finestra. Grandissimo documentarista, regista di qualità, Carlo Lizzani non ha mai girato un metro di pellicola senza che il suo impegno e il suo desiderio di un mondo più giusto venisse fuori prepotentemente. Sceneggiatore, tra gli altri, di Giuseppe De Santis e Roberto RosselliniIl suo nome, comunque, è legato alla regia di film come 'Cronache di poveri amanti' , tratto dall'omonimo libro di Vasco Pratolini del 1954, 'Il processo di Verona' del 1963, 'Banditi a Milano' del 1968, 'Crazy Joe' del 1973, 'Mussolini ultimo atto' del 1974. Lizzani ha firmato anche la regia di 'Storie di vita e malavita' del 1975, 'Fontamara' tratto dall'omonimo libro di

venerdì 4 ottobre 2013

Una fragile armonia. Tenera come l'età

Recarsi al cinema il 4 ottobre del 2013, in Italia, per vedere Una fragile armonia (A late quartet) di Yaron Zilberman, USA 2013, vuol dire essere al posto appropriato nel momento appropriato. Cinema pieno zeppo alle 18.00. Giorno di lutto nazionale, del patrono Francesco, del lauro

giovedì 3 ottobre 2013

“Noli me tangere”: Giuseppe Biguzzi alla Galleria Marconi

Se dovessi dare un nome alla modella che ha posato per i quadri in mostra a Cupramarittima fino al 19 ottobre, faticherei non poco, vista la discrezione delle pose in cui è ritratta; a testa bassa, come un fiore tortile, rannicchiata a proteggere una sua femminilità uscita da poco dall’adolescenza e affacciata a una vita forse solo d’immagine, fiorita un giorno solamente, per dirla con De Andrè, tanto

mercoledì 2 ottobre 2013

Il paese dei balocchi dell'artista marchigiano Carlo Iacomucci

Imminente la Rassegna internazionale "Pinocchio, storia di un burattino" a Sant' Oreste (Roma) dal 12 di ottobre al 10 novembre del 2013. Tra i partecipanti, il noto artista Carlo Iacomucci (di Macerata). Oltre a essere un maestro dell'incisione opera anche nelle discipline pittoriche. Nato a Urbino, col suo grande bagaglio artistico-culturale, è tra i personaggi più illustri in Italia. Ha tenuto innumerevoli mostre "personali" in italia e all'estero, oltre alla Biennale di Venezia Padiglione Italia per Regioni, sede di Urbino nel 2011. Le sue opere squisitamente cromatiche, si completano con un "segno" particolarmente penetrante e dunque ampiamente comunicativo. Partecipa alla mostra in oggetto, con un'acquacrilico dal titolo "Il paese dei balocchi". Quest'opera ci fa entrare in quel mondo collodiano, dove tante altre novelle dello scrittore sono

Pino Guzzonato ad Arcore. Scuderie della Villa Borromeo d'Adda