domenica 27 ottobre 2013

Ciao Federico. La mostra-omaggio di Giuseppe Di Caro a Fellini e al cinema italiano

Quello esposto è il cinema italiano “nobile”, le pellicole con la griffe di Federico Fellini, Mario Monicelli, Dino Risi, Ettore Scola, Alberto Sordi e Carlo Lizzani. Cinema indimenticabile, il nostro, che prima di Checco Zalone e Alessandro Siani, aveva sempre qualcosa da dire e immagini incancellabili da mostrare. Ma così è la vita, e si trova sempre qualche critico pronto a certificare che le scemenze sono il futuro. Il vernissage di Giuseppe Di Caro (uno dei reporter ufficiali del David di Donatello), nei locali della meritoria associazione culturale “Artes & Co” di San Benedetto del Tronto, è coerente con quelli “romani” degli anni Sessanta e Settanta: presentazione dell'evento all'ingresso, musica dal vivo che parte al taglio simbolico e virtuale del nastro, primi “oh” alla visione delle opere esposte, cameriere che gira con un elegante vassoio al posto del solito, scontato e poco dignitoso (considerati gli assalti), tavolo del buffet.

lunedì 21 ottobre 2013

Archeologia a pezzi. A rischio la Scuola Archeologica Italiana di Atene

Insieme per salvare la Scuola Archeologica Italiana di Atene che è a rischio chiusura. Una petizione invita il governo a riflettere sull’austerità. Erano 15 dipendenti, ora sono 9. Parliamo dell’unico centro di ricerca italiano all’estero. La SAIA, acronimo di scuola Archeologica Italiana di Atene, ha sempre avuto studenti e ricercatori e con 24 camere e 50.000 libri in biblioteca, concorrente di istituzioni analoghe della Germania, Usa, Francia.

Christian Meyer & Ellade Bandini: “Quando il piatto ride”. Meglio di un concerto alla Scuola di Musica Giocondi

Chissà perché. Appena sono entrati, ho pensato subito a uno di quegli entusiasmanti incontri di tennis degli anni ’70 sul rosso centrale del Roland Garros. Anche se uno solo dei due potrebbe fare il tennista professionista, e le bacchette non erano racchette (che ai tempi erano ancora di legno), e non sono volate palle ma, quasi, piatti… Ma poi, loro non hanno fatto partita. E’ stata una gustosa, lunghissima e crescente esibizione di abilità e funambolismi, non solo sonori.

domenica 20 ottobre 2013

UT sulla "Walk of Fame" [grazie alla fantasia di Giuseppe Piscopo]


Ci siamo anche noi. Accanto alle impronte delle mani di John Wayne e di Alfred Hitchcock, di Gary Cooper e di Marilyn Monroe, c'è la mitica copertina di UT. Un risultato che né Rolling Stones né Variety né Le Cahiers du Cinema né Life del New York Times hanno ancora raggiunto. La prima rivista al mondo a essere stata stampata nel cemento più famoso dell''universo spettacolistico'. Un sogno che siamo riusciti a realizzare grazie alla fantasia di Giuseppe Piscopo. Ale!

sabato 19 ottobre 2013

La “London” colorata di Stefano Taffoni. La collettiva fotografica in Palazzina Azzurra

Non sono mai stata a Londra, ricordo “Penny Lane” dei Beatles e “…there beneath the blue suburban skies”, che è un verso di quella meravigliosa canzone, e potrebbe fare da colonna sonora a queste foto, dove appaiono cieli suburbani accanto a panoramiche della City e i personaggi in mostra evocano bene uno humour che è lo stesso che si sente nella canzone… Vengono fuori “visti per il ricordo”, in un florilegio che ripercorre uno sguardo carico di stupore, per cui si va tra mirabilia e minimalia nel “mood “ di questa città,

lunedì 14 ottobre 2013

The ballad for Renzo Piano. Spazio a un giudizio diverso


Piano Pianissimo. Quasi muto.
Sarà l'età, saranno i soldi, sarà il successo. Sarà il Senato.
Forte retorica
Prudenza
Snervante bon ton
Bellissimo sì, bravo il trucco
Discorsi col trucco
Viva l'Italia
Viva i giovani
Viva la bellezza...
Tutti così, anche tu?
Non sei più il Piano di una volta
Anche la Yamaha fa i grattacieli
Almeno tu dovevi smettere
L'altra sera sei stato uguale a Fazio, elegante e invertebrato
Inutile ormai.
A me, non m'incanti.

Pier Giorgio Camaioni

Christian Meyer e Ellade Bandini da Giocondi Strumenti Musicali. "Quando il piatto ride", giovedì 17 ottobre.

Quando il piatto Ride” è un progetto che vede Christian Mayer ed Ellade Bandini esibirsi in un entusiasmante show portato sui palchi italiani da diverso tempo, un esempio di come, pur trattandosi di eccellenti musicisti e grandi professionisti riescono a coinvolgere in modi sempre diversi ed esaltanti qualsiasi pubblico presente. Ellade Bandini, all'età di 4 anni riceve come regalo di Natale una piccola batteria giocattolo: da qui comincia il suo interesse verso lo strumento, che continua poi intorno ai 15 anni con alcune lezioni presso il maestro Raoul Ferretti. A 16 cerca di assimilare i principali "trucchi del mestiere" guardando il batterista Giorgio Zanella, mentre la carriera vera e propria la inizia l'anno dopo, a 17 anni, suonando a livello professionale con alcune orchestre nelle sale da ballo e night club di tutta Italia: è in una di queste orchestre, quella del maestro Ugo Orsatti, che Bandini suona per la prima volta con il bassista Ares Tavolazzi.

domenica 13 ottobre 2013

Le inchieste di Sara Josefovskaja, la nostra corrispondente da San Pietroburgo. "Ho visto un russo. Lettera al sindaco Kasparov"

Buongiorno, sindaco KasparovIn mia cità di Sankt-Peterburg, io sempre legge vostre gazety chi raconta di cose inteligenti chi tu fa per Sankt-Benedikt: oggi veline di tuo Municipalitet dice chi tu felice per molto numero di turisti venuti di Rossiya in vostra citadina. Gazety perfino parla di “invasione”: alora io no capisce perché di estate io ero lì da voi e io molto cercato qualchi citadino russkiy per fare bela conversazione in mia lingua, ma io no trovato nesuno, per tuta estate!

giovedì 10 ottobre 2013

Alice Munro e il "premio dei premi". I racconti brevi di UT: piccoli, silenziosi Nobel

Quando l'attesissimo conferimento del Nobel 2013 alla Letteratura poco fa ha avuto un nome, ho pensato a un basket di sorrisi spontanei.
Quello della vincitrice prima di tutto. Lei Alice Munro, canadese, classe 1931, avrà sorriso ascoltando il messaggio in segreteria. Nessuno l'ha trovata oggi, prima dell'annuncio ufficiale, questa bellissima signora dai capelli corti, canuti, tenuti a bada dal vezzo originale di un cerchietto nero.

Il Trio Lennon (Luca Marziali, Alessandro Culiani e Roberto Molinelli) in concerto a Iesi.


E' tutto scritto sulla locandina. Chi può vada. Concerto imperdibile

martedì 8 ottobre 2013

“Rush” di Ron Howard. Il bello e la bestia

E’ vero.
Il film è piacevole e si esce dalla sala soddisfatti di aver trascorso due ore in compagnia di ottimi professionisti del cinema e di una bella storia. Ma basta così poco perché un film sia definito una buona opera artistica? Se sei un fan della Formula Uno o se, come me, hai vissuto quegli eventi sportivi incollata per ore al teleschermo a fianco di tuo padre e tuo fratello, il film non può che appassionarti ed emozionarti.

lunedì 7 ottobre 2013

“Ho dentro il mio paese”. Omaggio a Pericle Fazzini nel Centenario della nascita. Giarmando Dimarti, a dispetto del tempo

Ho dentro il mio paese”, annotava Pericle Fazzini e di certo “le piante, il vento, gli ulivi, il mare” non lo hanno “lasciato”. Il suo paese sì, forse Grottammare non l’ha mai accolto davvero, neanche da vivo.
Dev’essere così, se il suo “Ragazzo con i gabbiani” posato sullo scoglio in riva al mare suscitò, per quel sedere nudo, più d’un mugugno tra le intemerate schiere del bacchettonismo locale; se l’incuria di oggi

Federico Fellini. La mostra di Peppe Di Caro per i vent'anni dalla morte

Federico Fellini a 20 anni dalla sua scomparsa. Il titolo della mostra è "Ciao Federico" un saluto che tanti collaboratori, amici e colleghi hanno rivolto al regista accettando di posare per Giuseppe Di Caro conosciuto in città come docente di fotografia presso il Liceo Artistico di Ascoli Piceno.

sabato 5 ottobre 2013

Carlo Lizzani come Mario Monicelli. Il gusto un po' folle di volare

Si è buttato dal terzo piano della sua casa, quartiere Prati, Roma. A 91 anni, dopo una vita trascorsa nel e per il cinema, Carlo Lizzani ha deciso di andarsene volando. Ha lasciato un biglietto ai figli e poi via, giù dalla finestra. Grandissimo documentarista, regista di qualità, Carlo Lizzani non ha mai girato un metro di pellicola senza che il suo impegno e il suo desiderio di un mondo più giusto venisse fuori prepotentemente. Sceneggiatore, tra gli altri, di Giuseppe De Santis e Roberto RosselliniIl suo nome, comunque, è legato alla regia di film come 'Cronache di poveri amanti' , tratto dall'omonimo libro di Vasco Pratolini del 1954, 'Il processo di Verona' del 1963, 'Banditi a Milano' del 1968, 'Crazy Joe' del 1973, 'Mussolini ultimo atto' del 1974. Lizzani ha firmato anche la regia di 'Storie di vita e malavita' del 1975, 'Fontamara' tratto dall'omonimo libro di

venerdì 4 ottobre 2013

Una fragile armonia. Tenera come l'età

Recarsi al cinema il 4 ottobre del 2013, in Italia, per vedere Una fragile armonia (A late quartet) di Yaron Zilberman, USA 2013, vuol dire essere al posto appropriato nel momento appropriato. Cinema pieno zeppo alle 18.00. Giorno di lutto nazionale, del patrono Francesco, del lauro

giovedì 3 ottobre 2013

“Noli me tangere”: Giuseppe Biguzzi alla Galleria Marconi

Se dovessi dare un nome alla modella che ha posato per i quadri in mostra a Cupramarittima fino al 19 ottobre, faticherei non poco, vista la discrezione delle pose in cui è ritratta; a testa bassa, come un fiore tortile, rannicchiata a proteggere una sua femminilità uscita da poco dall’adolescenza e affacciata a una vita forse solo d’immagine, fiorita un giorno solamente, per dirla con De Andrè, tanto

mercoledì 2 ottobre 2013

Il paese dei balocchi dell'artista marchigiano Carlo Iacomucci

Imminente la Rassegna internazionale "Pinocchio, storia di un burattino" a Sant' Oreste (Roma) dal 12 di ottobre al 10 novembre del 2013. Tra i partecipanti, il noto artista Carlo Iacomucci (di Macerata). Oltre a essere un maestro dell'incisione opera anche nelle discipline pittoriche. Nato a Urbino, col suo grande bagaglio artistico-culturale, è tra i personaggi più illustri in Italia. Ha tenuto innumerevoli mostre "personali" in italia e all'estero, oltre alla Biennale di Venezia Padiglione Italia per Regioni, sede di Urbino nel 2011. Le sue opere squisitamente cromatiche, si completano con un "segno" particolarmente penetrante e dunque ampiamente comunicativo. Partecipa alla mostra in oggetto, con un'acquacrilico dal titolo "Il paese dei balocchi". Quest'opera ci fa entrare in quel mondo collodiano, dove tante altre novelle dello scrittore sono

Pino Guzzonato ad Arcore. Scuderie della Villa Borromeo d'Adda


martedì 1 ottobre 2013

Uno schianto terribile e muore “Ringo”. Giuliano Gemma aveva 75 anni.

Lui non poteva morire di malattia in un letto d'ospedale. Ringo, uno dei personaggi simbolo degli spaghetti western, se n'è andato schiantandosi con l'automobile in un devastante impatto frontale. Aveva iniziato la carriera nientemeno che con Dino Risi, poi ruoli di comparsa, poi gli spaghetti western e il ruolo che lo renderà celebre in tutto il mondo: il pistolero Ringo. Ma Giuliano Gemma è stato anche Il prefetto di ferro di Squitieri, il maggiore Matis” nel Deserto dei tartari di Zurlini, Nino Peralta nell'Uomo in ginocchio di Damiani, Guido Nardoni in Speriamo che sia femmina di Monicelli, il capitano Germani in Tenebre di Dario Argento. Poi Tex, il ranger più famoso dei fumetti. Ancora una pistola, ancora un cavallo, ancora una corsa, stavolta vera, nei verdi pascoli del cielo.
M.C.

19° Incontro Nazionale Teatri Invisibili. “L’eremita contemporaneo Made in Ilva”. L'Ilva Invisibile di Nicola Pianzola

Fin dall’Età del Ferro, è forse il materiale più comune che c’è. Ce l’abbiamo anche “dentro”. Non ci facciamo neanche caso, ma c’è in quasi tutto quello che ci circonda. Lo riconosciamo d’istinto (magari dalla ruggine), ci è familiare, ci dà affidamento. Sappiamo la sua forza e i suoi limiti. E’ come un amico banale e sicuro, a portata di mano, economico. Di ferro sono i motori e le auto (che neanche s’arrugginiscono più!), i treni e gli aerei, i fucili le pistole i carri armati. Erano di ferro o di latta i nostri giocattoli (il mio Meccano n. 5 era tutto quanto di ferro); tuttora di ferro sono le navi, gli scheletri dei palazzi, i nervi dei grattacieli… Fino ai comunissimi attrezzi di casa: martello pinza giravite… e cosa faremmo senza chiodi viti e bulloni?