domenica 8 dicembre 2019

“Più di un milione…”

San Benedetto, Grottammare, Cupra e i “Controlli del vicinato”: 
la mia candidatura.

 
        “Più d’un milione di euro”: tanto abbiamo da spendere per la Sicurezza, sindacopiunti dixit. E se hai soldi tanti così, che fai, non metti in moto i Controlli del vicinato? È il minimo, da scemi non farlo.

        Dunque si parte: scaldati i motori, sicuri del plauso di popolo e stampa, i tre moschettieri della Sicurezzite nel Piceno, Athos Porthos e Aramis (i nomi d’arte: Piunti, Piergallini, Piersimoni) si autoconvocano in assemblea il 6 dicembre coi 25 coordinatori (cioè gli spioni-capo, che coordineranno gli spioni-semplici) dei Gruppi di “Controllo del vicinato”.

        Controllo del vicinato, bisogna convenirne, suscita echi inquietanti e drammatiche sensazioni di déjà-vu, di Est europeo e di ordine e moralità garantiti da sigle rassicuranti come Stasi, Čeka, KGB  (anche OVRA, per non dimenticare le glorie patrie) e da plotoni di solerti cittadini-spioni.
Magari è solo l’involontario parto della stupidità al potere, e questi sindaci eredi dell’Età dei Lumi sapranno correggere qualche gaffe imputabile a eccesso d’entusiasmo. Quanto al logo, brutto senza speranza e fascisteggiante quanto basta, è però molto evocativo: vedi quel disegnuccio da scuola elementare e pensi subito al dio-patria-famiglia dei bei tempi andati e a quando c’era il mascellone che lui sì le cose le faceva funzionare. 
    
      Insomma siamo orgogliosi: in una manciata di chilometri - da San Benedetto a Cupra passando per Grottammare – vantiamo il felice primato di tre sindaci legati da comune sentire di marca Grande Fratello orwelliano, pronti a far leva sulle viscerali pulsioni dei cittadini (presto potrebbero essere istituiti la Settimana dell’Odio, la Psicopolizia, lo Psicoreato; la Neo-Lingua, come abbiamo visto, è già operativa) e a farsi – che non guasta mai – campagna elettorale “aggratis”.

        Chissà che ne pensa la Chiesa di questa concorrenza nella vigilanza moralizzatrice sulle sue pecorelle, affidata al buco della serratura e agli spioni di quartiere in salsa fascioleghista.

        Una cosa è certa: ci sarà competizione e nessun incarico sarà così ambito localmente come quello di Coordinatore o Agente-di-quartiere. Primo indispensabile gradino di un cursus honorum che porterà in posizione preminente presso i concittadini-semplici e presso l’amministrazione: riverenze e rispetto - certo invidia - da parte del vicinato, familiarità con le stanze dei bottoni, visibilità e genuflessioni dalla stampa…
E l’ambizioso traguardo del potere - per quanto in formato bonsai - sarà raggiunto, con la pettoruta prosopopea di chiunque arrivi a poter mostrare un tesserino, un distintivo, un’autorizzazione, a esercitare controlli, a indossare una divisa, una maglietta, un giubbotto, meglio se fluorescenti.
        È così che, sedotta - lo confesso - da una tale prospettiva, oso offrire la mia candidatura per il ruolo di Coordinatrice dei Controlli del vicinato. Bravina lo sono e ho decenni di esperienza: da insegnante ero abilissima nel sorprendere il mariuolo che suggeriva al “vicino” di banco. Nel tempo libero saprei aggirarmi nel quartiere anche di sorpresa – sono leggera e non vistosa – per esercitare una vigilanza occhiuta e rigorosa e riferire poi alla Stasi de noantri comportamenti sospetti o contrari alla moralità che più ci fa comodo.
        Infine, ho un asso nella manica che mi darà molto punteggio: sono gatto-munita e potrei avvalermi del contributo dei miei 4 felini alle cui formidabili vibrisse nulla sfugge.
 

 ===========

Qualche zelante ficcanaso […] avrebbe potuto cominciare col chiedersi perché s’era messo a scrivere durante l’ora di colazione, perché aveva usato una penna di modello sorpassato, che cosa aveva scritto… e quindi avrebbe messo una parolina là dove era opportuno.

         [G. Orwell, 1984 - Parte prima, cap.3]


Sara Di Giuseppe - 7 dicembre 2019




ESPOSTO

Alla Provincia di Ascoli Piceno
Alla Polizia Provinciale di Ascoli Piceno
Agli Organi di Informazione
 

ESPOSTO


Nella mattinata di ieri, 5 dicembre 2019, nelle campagne vicine a Ripatransone si è svolta l’ennesima battuta di caccia al cinghiale, coordinata da funzionari della Polizia Provinciale.
Massiccio dispiegamento di uomini e mezzi che neanche ai bei tempi del banditismo sardo, cacciatori sguinzagliati anche sulla strada e molto vicino alle abitazioni, rumori di spari che hanno terrorizzato per tutta la mattinata gli animali, domestici e non.

A margine di questa barbarie - ma tutto è in regola, eh, come ti sbagli… - a pochi metri da casa mia, due auto in sosta, di cacciatori impegnati nella battuta: dall’interno del piccolo carrello agganciato ad una delle due - una Fiat Panda - completamente chiuso (v.foto) senza che fosse visibile alcun pertugio o fessura, provenivano rumori inconfondibili: erano CANI CHE SI AGITAVANO, ABBAIAVANO, UGGIOLAVANO DISPERATAMENTE.

Per quanto cercassi, non ho potuto incontrare nessuno per parecchio, e solo dopo oltre un’ora si sono materializzate due persone, una delle quali funzionario della Polizia Municipale.
A quest’ultimo ho segnalato la situazione: i cani, ormai da tempo rinchiusi lì dentro, continuavano ad agitarsi e lamentarsi (e intanto un sole pieno, era ormai mezzogiorno, batteva sulle lamiere del carrello).
La cortese risposta del funzionario è stata di non preoccuparmi: “il carrello è omologato per lo scopo” e “ci sono delle prese d’aria” (così piccole da essere pressoché invisibili), e “i cani si agitano perché vorrebbero anche loro…” eccetera (insomma: i cani impegnati erano troppi e non servivano tutti…sic).
Ho continuato nella mia protesta su una simile barbarie, ma è tutto in regola (toh!), semmai si può chiedere di cambiare la legge (sic) e “al massimo si potrà invitare il proprietario dei cani a portarne di meno durante le battute”, è stata la risposta definitiva.

Mi aspetto:
- che da parte della Provincia e di tutti gli Organi responsabili ci siano sanzioni per comportamenti  che configurano palesemente il reato di maltrattamento (dalla mia foto si ricavano le targhe dell’auto e del carrello).

Mi aspetto:
- che nella gestione di queste folli battute al cinghiale (nelle quali giocano ben altri interessi che quelli ambientali), la Provincia e tutti gli Organi responsabili introducano pratiche più civili (se civiltà può mai esserci - e non ce n’è - nella barbarie legalizzata che è la caccia): l’ampiezza di manovra che una normativa sciagurata concede all’attività dei cacciatori nelle battute al cinghiale (perfino la possibilità di sparare vicino all’abitato) crea gravissimi rischi per gli umani e per la fauna di ogni specie - domestica e non - che popola queste zone, con ricadute facilmente immaginabili sulla qualità della vita nelle contrade ripane già seriamente segnate da incuria, incompetenza, sciatteria amministrative a tutti i livelli e gradini di (ir)responsabilità.

6.12.209 - Sara Di Giuseppe

Contrada Sant’Egidio 4  -  63065 Ripatransone



mercoledì 4 dicembre 2019

Non tutti "I pali pendenti di Ripa" vengono per nuocere

A seguito delle osservazioni di PGC sullo stesso tema:
http://www.letteraturamagazine.org/2019/12/i-pali-pendenti-di-ripa.html

Caro PGC,
c’ho messo un po’ di tempo prima di risponderti. Volevo approfondire il caso perché è impensabile che nel 2019 si possano mettere dei pali per il passaggio di energia elettrica a casaccio. Così, sfidando ogni tecnica costruttiva a disposizione, o trascurando l’uso di una economica livella semi-professionale. Credo proprio che non tutti i pali (pendenti) vengono per nuocere.

Dopo aver fatto sopralluoghi e rimuginato teorie più o meno astruse o stram-palate, un lampo di genio militaresco mi si è palesato tra le personali nebbie ripane:
i pali, così interrati, indicano esattamente alcune costellazioni di questo periodo astrale. Le loro varie inclinazioni (solo apparentemente irregolari) sono frutto di un meticoloso calcolo matematico.

“I pali pendenti di Ripa” sono dei puntali, degli indicatori esatti di alcune stelle nello spazio. Tali stelle, a loro volta, fanno parte di costellazioni che si vorrebbero ‘nuove’: della Petrella, di Sant’Egidio, di Sant’Andrea, del Carmine, di Penne e delle altre contrade non specificate. A mo’ di richiamo, di suggerimento (per grossolana similitudine vedi Stonehenge, o i cerchi nel grano, o la mitica area delle piramidi di Giza). Un piano ingegnoso alla “ET” per comunicare ad altri abitanti dello spazio la presenza dei ripani sulla Terra.

I cartelli di ‘avviso di interruzione’? Un modo per nascondere le oscure manovre di deviazione dell’energia verso i pali pendenti. In realtà sono condensatori e nel contempo deviatori. Come bobine di Tesla, lanciano nell’oscurità fasci luminosi verso gli abissi astrali per comunicare l’esatta posizione... (segue nella riedizione aggiornata de “Ai confini della realtà”).

Ecco il mistero, l’arcano de I pali pendenti di Ripa. La realtà è sempre più avanti dell’immaginazione.

E-T




lunedì 2 dicembre 2019

I pali pendenti di Ripa*

-         Dicono i maligni che si sono storti per il temporale-lampo di domenica scorsa, i nuovissimi pali dell’ENEL in contrada Petrella, contr. Sant’Egidio, contr. Sant’Andrea, contr. Carmine, contr. Penne… eccetera. 

Ma non è vero, non ci posso credere.

La verità è che li mettono già così, pendenti, pendenti come la Torre di Pisa, che fa più artistico e portano turisti. Inclinazione variabile secondo le caratteristiche del territorio, delle correnti e dei venti. E’ l’aerodinamica, bellezza! “Resisteranno meglio alle intemperie”, quanto siamo ignoranti… Era un segreto militare, ma l’ENEL li stava studiando da parecchio. Non potevamo mica andare ancora avanti coi vecchi pali di legno noiosamente dritti, che cadendo a 90° ammazzano le macchine. Questi qua invece, giacchè l’angolo è più piccolo, cadranno sì prima ma saranno carezze!

Certo ci vuole più studio e tempo a metterli, continue misurazioni, algoritmi… Sono mesi che nelle nostre agricole contrade compaiono quei cartelli colorati “AVVISO DI INTERRUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA”, un giorno alla settimana, tutto il giorno, una settimana sì e l’altra pure!
Ne ho l’intera collezione, mi manca solo il cartello azzurro - rarissimo - di metà ottobre, andarono persi quasi tutti, forse se ne andarono via col vento… È così elettrizzante, poi, scommettere da contrada a contrada se davvero la corrente tornerà a las cinco de la tarde, e correre a far scorta di candele, tranne quando non lo sai che resterai al buio perché i cartelli o non avevano voglia di metterli o saltando di palo in frasca ne hanno attaccati due o tre in tutto.

-          Dicono poi i maligni che ‘sti pali li mettono i somari, gente che non sa lavorare, o come minimo improvvisata: colpa dei sub–sub-appalti. Ma non è vero, non ci posso credere. Non ci sono i controllori? Squadre di tecnici sguinzagliati di nascosto tra boschi, vigne, calanchi e colline a verificare che tutto sia realizzato a regola d’arte? Nessuno li vede perché si mimetizzano come i cacciatori, ma è sicuro che ci sono: come trovano un solo palo dritto fanno rapporto alla Direzione Galattica di E-Distribuzione e sono dolori.

-        Dicono ancora i maligni che… questi nuovi pali - giustamente storti - potrebbero purtroppo mettersi dritti al primo temporale, al primo scirocco, alla prima bomba d’acqua. Ma non è vero, non ci posso credere. Anche se, con tutti questi “cambiamenti climatici”…


*(vedi foto)


PGC - 2 dicembre 2019