lunedì 14 ottobre 2013

Christian Meyer e Ellade Bandini da Giocondi Strumenti Musicali. "Quando il piatto ride", giovedì 17 ottobre.

Quando il piatto Ride” è un progetto che vede Christian Mayer ed Ellade Bandini esibirsi in un entusiasmante show portato sui palchi italiani da diverso tempo, un esempio di come, pur trattandosi di eccellenti musicisti e grandi professionisti riescono a coinvolgere in modi sempre diversi ed esaltanti qualsiasi pubblico presente. Ellade Bandini, all'età di 4 anni riceve come regalo di Natale una piccola batteria giocattolo: da qui comincia il suo interesse verso lo strumento, che continua poi intorno ai 15 anni con alcune lezioni presso il maestro Raoul Ferretti. A 16 cerca di assimilare i principali "trucchi del mestiere" guardando il batterista Giorgio Zanella, mentre la carriera vera e propria la inizia l'anno dopo, a 17 anni, suonando a livello professionale con alcune orchestre nelle sale da ballo e night club di tutta Italia: è in una di queste orchestre, quella del maestro Ugo Orsatti, che Bandini suona per la prima volta con il bassista Ares Tavolazzi.
La sua carriera di batterista prosegue suonando per la cantante Carmen Villani, nel gruppo beat "Avengers" (in cui al basso c'è nuovamente Ares Tavolazzi). Alcuni cambiamenti nel gruppo della Villani lo fanno incontrare con il pianista e l'allora più giovane arrangiatore italiano Vince Tempera. Inserito, grazie al maestro Tempera, nell'ambiente discografico, diviene presto un turnista molto richiesto, suonando in alcuni 45 giri di successo di quegli anni, come Io mi fermo qui di Donatello, Viaggio di un poeta e Vendo casa dei Dik Dik, Soleado dei Daniel Santacruz, Rumore di Raffaella Carrà, L'importante è finire e Ancora, ancora di Mina. Nel 1969 con Ares Tavolazzi e Vince Tempera forma i "The Pleasure Machine" ed inizia con loro la collaborazione con Francesco Guccini, fino al 1982 solo su disco e poi anche in tournée. Nel 1978 Tempera lo chiamerà a suonare la batteria anche nei singoli e nell'album tratti dalle sigle della prima serie mecha apparsa in Italia, Atlas Ufo Robot (Goldrake), in cui Tavolazzi apparirà come bassista e coautore di Shooting Star, e idealmente si ricomporrà così il loro trio. Attualmente fa parte della "Drummeria", formata oltre che da Bandini da altri quattro batteristi: Walter Calloni, Maxx Furian, Christian Meyer e Paolo Pellegatti. La “Drummeria” si esibisce in emozionanti e spettacolari live basati su assoli e unisoni usando i tamburi come mezzi espressivi di grande spessore. Insieme a Mario Arcari e Giorgio Cordini, che come Bandini militarono per anni presso la corte di Fabrizio De Andrè, danno vita insieme ad altri giovani e bravissimi musicisti ai "1000 anni ancora", gruppo col quale inciderà Storia di un impiegato totalmente riarrangiato da Mario Arcari. Al momento sembra privilegiare l'attività live allo studio di registrazione, che alterna con seminari e l'insegnamento nel corso di diploma di musica jazz al conservatorio "Frescobaldi" di Ferrara. È ambasciatore della città di Ferrara, ed è stato il primo musicista a ricevere, nel 2006, il Premio Tenco per "I suoni della canzone". Christian Meyer, nato a Milano il 27 gennaio 1963, inizia a studiare batteria all'età di 11 anni con il Maestro Lucchini. Dopo alcune esperienze nella musica dixieland, nel 1981 si trasferisce a Francoforte dove inizia le prime collaborazioni professionali con musicisti brasiliani. Al rientro in Italia, nel 1983, si dedica a diversi generi musicali, con una particolare passione per il jazz. Collabora con i maggiori artisti italiani e internazionali. Partecipa a diversi concerti e festival in Italia e all'estero, prendendo anche parte alla realizzazione di numerosi dischi. Dal 1991 entra a far parte del gruppo "Elio e Le Storie Tese", sodalizio che continua tuttora: incide numerosi album, prende parte ai tour fin dal 1992 e compare in alcuni video, ormai di culto, come protagonista. Attualmente fa parte, con Ellade Bandini, della "Drummeria". Nel 2011 ha partecipato alla realizzazione del CD del Cre-Grest 2011 Battibaleno degli Oratori delle Diocesi Lombarde insieme a Valerio Baggio ed Herbert Bussini suonando nella traccia Tempo.

Nessun commento:

Posta un commento