sabato 13 maggio 2017

“Ospiti"... graditi. La pièce di Angelo Longoni al Teatro dell'Iride di Petritoli


Se una serata a teatro scorre piacevolmente e si esce “alleggeriti”, di solito vuol dire che è andata secondo le aspettative, ha funzionato. Non è facile. Spesso ci troviamo ingolfati in un traffico senza vigili né semafori e con il classico fazzoletto bianco che fa da apristrada al nostro andare. Lo sappiamo, è un segnale di emergenza e non si può immaginare in quante situazioni ci siamo trovati a boccheggiare sul bordo di una strada, una qualsiasi strada.
Il teatro ha meccanismi estremamente complessi. Quello di oggi spicca poi per ritmo, tanto che a volte sembra di stare in tv. Eppure correre serve solo a far venire il fiato corto, e con il fiato corto le parole si perdono, le frasi non si terminano, occorre rivolgersi a chi è seduto accanto e chiedere “e allora?” Il rischio c'era e, fortunatamente, è stato evitato.


Il testo di Angelo Longoni datato 2014, vedeva in scena, all'esordio, Cesare Bocci, Eleonora Ivone e Marco Bonini nei ruoli che in questa occasione sono stati rispettivamente di Salvo Lo Presti, Carla Civardi e Marco Tombolini. Conoscendo di nome, ma anche di sostanza, i protagonisti originali, possiamo senza dubbio affermare che non li abbiamo rimpianti, tanto valida è stata la “prima” prova di un terzetto che con un po' di tempo in più e qualche indecisione in meno (conseguenza del primo assunto), avrebbe potuto tranquillamente debuttare in piazze più prestigiose (ma solo di nome). 
Ospiti” è una commedia (atto unico) tirata a mille. Non c'è una pausa che sia una e il copione infatti non la prevede. Una storia semplice, tutto sommato banale, vive sostanzialmente di battute (caustico/ironiche) sulla scia di un Woody Allen d'antan. L'aspetto che Longoni sottolinea, oltre alle dinamiche del solito rapporto di coppia scoppiato, è quello della maschera migliore che ognuno di noi amerebbe indossare per essere un altro e apparire così come gli altri vorrebbero. Un pizzico di psicologismo gratuito condisce il tutto con quel sale di cui non sentivamo il bisogno se non per aumentare, appunto, la sapidità di battute a volte scontate.


Alessandro Rutili, regista della commedia, è riuscito a rendere il progetto originario esattamente come Longoni lo ha concepito, con quel ritmo che ne sottolinea la disarmante e divertente, nello stesso tempo, semplicità. 
Le scene di Luca Monti, essenziali ma necessarie, hanno offerto il giusto contesto a una pièce che non aveva bisogno di lemmoniani appartamenti. La bravura e la simpatia degli attori, però, è stato il passo definitivo per farci uscire, come abbiamo avuto modo di dire, “alleggeriti”. Un sorriso a volte è meglio di un mugugno e stavolta non abbiamo mugugnato.

1 commento:

  1. I really like your blog, the information you’ve provided on the website is just accurate. If you guys want to know more for the same you can visit this awesome website www.helpadya.com

    RispondiElimina