sabato 22 novembre 2014

P.I.C.E.N.U.M. Bello che scoperto. [Gli acquerelli di Franco Pirzio - Ascoli Piceno, Palazzo dei Capitani]


Cento acquerelli di una ventina di località del Piceno, che neanche il Touring Club.
Un cofanetto che sa di vino.
Un titolo vero, onesto e creativo, un acronimo per niente forzato.
E concreto: finisce con Ultimi paradisi e Mangiare e bere, mica poesie…
Acquerelli raccontatori, ma col testo silenzioso in disparte, per non disturbare.
Viaggi di giorno, brevi e lenti.
Non in macchina, né in treno. Forse in bicicletta.
Posti nascosti, posti noti, posti pensanti.
Posti di musica e d’arte.
Posti bonificati (dall’autore): basta un po’ d’acqua e far scorrere il pennello.
Posti riposati (dall’autore): basta un po’ d’acqua e via il rumore.
Posti da annusare, da ascoltare. Posti da fare di bolina.
Posti da saziarsi di cose buone.
Col vino di Santori, si capisce (sennò niente acquerelli…).
E quando in primavera arriverà “La casa sull’albero”…

Noi di provincia siamo così,
le cose che mangiamo
son sostanziose come le cose
che tra noi diciamo…”

(Paolo Conte, SNOB, 2014)

PGC


giovedì 20 novembre 2014

"Fil rouge. Le lettere segrete di Yvette Mirabeau". Alessandro Seri per Vydia Editore

Una soffitta di Parigi nasconde la vicenda dimenticata di una giovane donna nella Francia degli impressionisti e dell'assenzio, di Baudelaire e della Comune. Nell'arco fragile di un fascio di lettere antiche nasce e si consuma un amore scritto, pensato e vissuto tra convenzioni e moti libertari: il filo rosso che lega i due protagonisti si dipana lungo le anse della Storia e i meandri di un universo intimo destinato a un imprevedibile altrove.

Scrive Alessandro Seri: "Erano lettere legate insieme da un nastro di seta rossa. mi domandai immediatamente se leggerle sarebbe stato opportuno. Poi, come un ladro, sciolsi il nodo e aprii la prima, poi la seconda. Continuai a leggere per tutta la notte".

Alessandro Seri ha pubblicato le raccolte di poesia "E mi guardi con gli occhi di un gatto nero" e "Rampe per alianti".

mercoledì 19 novembre 2014

Intrecci d'acqua, terra e cielo. Immagini e parole: quando la fotografia incontra la poesia

Questo libro molto particolare è il frutto di una stretta e proficua collaborazione tra la fotografa cremonese Alessandra Piasecka e la poetessa torinese Floriana Porta. Una fotografia che sembra nascere dall’interno dell’anima, una poesia che entra nell’intimo della natura, svelandone le leggi e i misteri. In questo libro reale e ideale si fondono, oltre i sensi comuni; s’intrecciano sogni e ricordi, misteri ed enigmi, attraverso un dialogo ininterrotto con la natura.

martedì 11 novembre 2014

Paul Jackson al Cotton Jazz Club di Ascoli Piceno. Il bassista dagli artigli felpati

Un trio-quartetto straordinario. Ovvio. Da leggendario headhunter, “cacciatore di teste” come dicono sia, Paul Jackson i più bravi li tiene a lungo per sé. Anche quando andavano di moda nelle aziende, d’altra parte, i cacciatori-di-teste mica distribuivano le loro scoperte sul mercato semplicemente stabilendone il prezzo. Individuati i talenti migliori, li valorizzavano e se li coccolavano, li mettevano spesso “in società” con loro. Con successo, di solito. Scommettiamo che questo diventerà un quartetto “stabile”, e il prossimo guest sarà magari un eccellente trombonista appena svezzato?

domenica 9 novembre 2014

Il successo della mostra di Maura De Carolis al Carrousel du Louvre di Parigi

Per Maura De Carolis, che con la mostra al Carrousel du Louvre si è fatta apprezzare dal pubblico internazionale, si aprono le porte di un’esperienza artistica che la porterà presto in altre capitali europee. La delicatezza della sua “Violinista” si è fatta strada in mezzo a oltre 2000 opere da tutto il mondo. Un successo sia di critica, sia di quotazioni, triplicate. E, rientrata a casa, altra sorpresa: un’opera su richiesta alla quale lavorare da subito, tempo permettendo. “Nei prossimi mesi – spiega - dovrò concentrarmi sulla preparazione di nuove mostre, anche all’estero, ma sono felicissima che ci sia chi apprezza le mie opere fino ad interessarsene”.
Ad accoglierla ha trovato una grande festa, con gli amici, i colleghi dell’ospedale Madonna del Soccorso, dove lavora al Cup, e il suo circolo, L’Arca dei Folli, che per primo ha creduto nel suo talento. “Per me, autodidatta - racconta con la spontaneità tipica del suo carattere solare - abituata a mostre locali, l'esperienza del salone al Carrousel du Louvre è stata un’emozione grande. Potermi confrontare con opere così diverse è stato importante anche per crescere sul piano tecnico”.

martedì 4 novembre 2014

La storia della Principessa Splendente. La Heidi versione giapponese di Takahata Isao (ma molto più complessa)

Libero adattamento di Taketori Monogatari (Il racconto di un taglia bambù), La storia della Principessa Splendente attinge ad un’antichissima leggenda popolare giapponese degli inizi del decimo secolo. Narra la storia di una piccola creatura di appena tre pollici, trovata da un vecchio taglialegna in un bambù che d’improvviso risplende nel buio della notte incombente.

domenica 2 novembre 2014

I nuovi cd di Paolo e Giorgio. Conte su Conte



Non chiamateli DISCHI FRATELLI, i CD “Snob” di Paolo Conte e “Cascina Piovanotto” di Giorgio Conte. Non potrebbero essere più diversi. 
Usciti quasi in contemporanea, in questo ottobre, è solo un’astronomica coincidenza.
Li aspettavo, ma è con sorpreso stupor che me li sono ritrovati insieme.
Ora li ascolto, vicino al piano (che non è un verticale Steinbach 1941 ma quasi),
anch’io affondato nella mia pigrizia, in benedetta solitudine, lontano dalla pazza follacon intorno un buon profumo di caffè da aviatore
Swing, sambe degli anni cinquanta, mazurche, terzinati d’antan, fandango,
beguine da manuale, ritmi binari alla Brassens…
Nostalgie di pullover…
Il misurato mazurcante Glamour di Paolo.
La sofisticata semplicità, senza tempo, di Giorgio.
Conte su Conte.
Vicini. Diversi.
Humh…
Come onde.


PGC

sabato 1 novembre 2014

“50 sfumature - Il Musical”, da Broadway passando per Francia, Germania, Olanda e Spagna, arriva a partire dal 4 novembre al Teatro Nuovo di Milano

50 Sfumature – il Musical”, visto da oltre 400.000 persone tra New York, Canada, Francia, Germania, Olanda e dopo il clamoroso successo al Fringe Festival di Edimburgo, sbarca in Italia per la prima nazionale il 4 novembre al Teatro Nuovo di Milano, per la regia di Matteo Gastaldo, con la direzione musicale di Fabio Serri. L’esilarante parodia teatrale direttamente ispirata al best seller di E. L. James giocando e rovesciando i temi scottanti del libro che ha incuriosito milioni di donne e di uomini in tutto il mondo ha ottenuto ovunque recensioni a quattro stelle oltre ad una produzione OFF Broadway, attualmente in scena all’Elektra Theater NYC, ed è attualmente in tour negli Stati Uniti d’America.