domenica 30 giugno 2019

Brava Carola

-          Brava perché ha deciso di far entrare in porto la sua Sea Watch al momento giusto, né troppo presto né troppo tardi, mandando in tilt tutti gli oroscopi giornalistici.

-          Brava perché non ha travolto la motovedetta della Finanza che voleva platealmente fermarla, ma (da navigata professionista) le ha dato solo un eloquente spallata, come giocando a calcio fanno regolarmente anche le ragazze. Fallo volontario? Bah

-          Brava perché si è presa subito la colpa, si è scusata. Mica voleva affondarla, mica è matta, diciamo un errore di manovra - anche le Grandi Navi a Venezia sbagliano eccome! -

-          Brava perché, lei sì, ha tenuto e tiene un contegno da Capitano, mica come quellaltro nostro, cosiddetto, che ci fa pure il Ministro-di-tutto.

-          Brava perché a 31 anni vorrei vedere voi, noi, tutti quanti.

-          Brava perché si è scelta lei quel mestiere difficile, poteva fare una vita più divertente, comoda, tranquilla, con le cinque lingue che parla, quella testa e quella personalità

-          Brava perché in questa partita mondiale sta accettando le decisioni ingiuste di migliaia di arbitri. Se intorno non giocano sporco, saprà smontare ogni accusa.

-          Brava perché ha condotto le trattative con fermezza, competenza e umanità, ascoltando tutti, ma senza lasciarsi condizionare o intimidire.

-          Brava perché col suo agire limpido valorizza lopera di tutte le ONG, che non vagano nel Mediterraneo per turismo o per affari, ma per salvare vite che nessun altro si curerebbe di salvare, tanto meno di contare da morte.

-          Brava perché adesso - seppur involontariamente - mette in ridicolo anche chi lha arrestata mandandola ai domiciliari non a casa sua in Germania, ma a Lampedusa! Certo rischia anche 12 anni di carcere, il 41 bis come i mafiosi, il rogo come Giovanna dArco, la fucilazione per resistenza a nave da guerra”…

-          Brava perché mai un sorriso di troppo e mai la faccia seriosa da Capitana. Lo sguardo sempre diretto, comunicativo, simpatico. Una ragazza ferma, di cui ti puoi fidare.

-          Brava perché non ostenta il suo grado, anche nellufficialità niente cappelli e luccicanti divise, una maglietta e via. Ma trasmette naturale autorevolezza.

-          Brava perché ha studiato. Per ora 5 lingue le sa, sono gli altri che hanno bisogno degli interpreti.

-          Brava perché dovrà anche superare lo svantaggio di genere: perché il mondo non le perdona dessere donna (e, ahilei, pure in gamba), vorrà ricordarle con ogni mezzo che lo è, e che il suo è un mestiere da maschio; fa lavori più femminili, o stattene composta e a casa, cazzo!

Brava Carola Rackete.


PGC - 30 giugno 2019


Nessun commento:

Posta un commento