giovedì 13 ottobre 2016

Da Fo a Dylan, ma non c’è da cantare


        Potevano le radio e le televisioni aspettare almeno un giorno, ad ingolfarci di pezzi diDylan che non mandavano più da decenni.

        Pur amando (un tempo) Bob, nel passaggio di mano del Nobel penso che ci abbiamo perso.

         E’ che oggi si danno premi quasi a tutti, i premi non sono più quelli di una volta, non c’è più decoro, solo mercato.

      Perfino ai campioni di motociclismo e di evasione fiscale potrebbe non bastar più una Laurea ad honorem. Oltre a DOCTOR, ci toccherà ammirare sul culo delle tute anche la scrittaNOBEL?

       Quel che oggi intristisce davvero è vedere certi “bugiardi patentati governanti e politici” piangere Fo, mentre in cuor loro gongolano: un NO in meno.

PGC

Nessun commento:

Posta un commento