domenica 21 luglio 2019

VEDO NUDO. Arte tra seduzione e censura

San Benedetto del Tronto Palazzina Azzurra     
6 luglio/6 ottobre 2019

IRRITAZIONI*


       La mia critica giustappunto irritata* alla Mostra comincia (e finisce) con la grande S finale in più (due esse invece di una) sulla firma di GILLO DORFLES, in bella evidenza da 15 giorni sul gigantesco pannello nero della sala del primo piano recante un suo illuminante pensiero. 

Non si tratta di un refuso. Ma anche fosse - può capitare - è incredibile che in 15 giorni nessuno abbia rimediato, anche solo sovrapponendo un cartoncino nero sulla seconda esse abusiva. Facile, non serve neanche la scala. O che nessuno se ne sia proprio accorto. 

      Eppure pomposissima devesser stata linaugurazione del 6 luglio, con pompose presenze: dai tre-Magnifici-Curatori-tre, giù giù fino ai pensosi sindaci, agli emozionatissimi assessori alla cultura, ai professori vaganti, agli sponsor/partner paganti e non, ai papaveri alti-alti-alti, tutti in vetrina col doppiopetto e la faccia della festa, immancabilmente in così ghiotte occasioni. E ci sarà pure stato qualcuno - tra organizzatori produttori progettisti promotori stampatori prestatori ideatori designer fotografi  - di quella lista infinita che neanche i titoli di coda di Ben Hur.

Colpiti tutti da improvvisa cecità bianca alla Saramago? Oppure qualcuno se nè accorto e non ha osato dirlo, o a qualcun altro è venuto il dubbio e se lè tenuto? 

        Ma può anche darsi che, malgrado la martellante pubblicità (perfino sul prestigioso La Lettura del Corriere della Sera) a questa Mostra non ci sia ancora andato nessuno: cosa sono 15 giorni su 3 mesi (!) di apertura, hai voglia, cè tempo E poi di sicuro, dato il grande successo la allungheranno ancora, come lanno scorso quellaltra strepitosa mostra ABBRONZATISSIMA (sic) sui... costumi da bagno.

         Sono IRRITAZIONI, direbbe Gillo Dorfles (con una esse). [Come quella volta che venne in Ascoli per una conferenza ai piccoli architetti a Palazzo dei Capitani e volle visitare il Battistero e nessuno, tanto meno il sindaco Celani, seppe spiegargli perché fosse chiuso  e dopo, trovate rocambolescamente le chiavi, vide le condizioni interne del Battistero e più che irritato divenne furens]

         Irritato anchio, non ho guardato bene la mostrona. Unico spettatore - giuro - oggi sabato alle 19,05, mi sono sentito a disagio, come osservato. Forse ci tornerò. A patto che facciano quella correzione e anche altre (ce ne sono, di errori!) che non serve essere specialisti o veder nudo, per accorgersene.


* Gillo Dorfles, IRRITAZIONI, unanalisi del costume contemporaneo - Castelvecchi 2010


PGC -  sabato 20 luglio 2019


Nessun commento:

Posta un commento