sabato 28 dicembre 2019

“Il 2020 sarà l’Anno del Ballarin” … Ah Ah Ah

Ricevo da Messico e nuvole* e diffondo:
……………………………………………………………………............………………………………………

             La destrorsa Amministrazione Comunale di San Benedetto impegna 200.000 euro per la salvaguardia di quel che resta del vecchio muro di recinzione rotto, disastratissimo e inutile dell’ex Stadio Ballarin.

L’illuminata Soprintendenza Regionale Marche o non sa che quel misero manufatto è totalmente “privo di dignità costruttiva e artistica”, oppure lo sa e ci prende in giro. Tanto qui abbocchiamo facile.
Dice che si tratta di un pregevole muro littorio-fascista del 1929, quindi da ammirare e venerare e portarci le scuole, costasse pure più di 200.000 euro. Potrebbe addirittura averlo eretto Mussolini-carpentiere in persona in uno dei suoi comici blitz di propaganda (tipo quelli delle paludi Pontine) che oggi ri-piacciono tanto a politici e non, facendo magari incidere il fascio littorio su qualche raro mattone!
Certamente la nostra Soprintendenza galattica lo sa e non lo dice, per paura che con tutti i neo-fascisti che ci son qua, quelli, dopo le affollate cene di Acquasanta, bevuti ed eccitati si buttino a rubare per ricordo i mattoni, e allora addio muro.
Fatto sta che il muro dimagrisce ad occhio nudo, man mano che ci lavorano intorno. Dovranno metterci i Carabinieri di guardia, e anche i neonati “Controlli di Vicinato”, oltre a una selva di telecamere, tanto “per la sicurezza abbiamo da spendere più di un milione” (sic).          
        “Il 2020 sarà l’Anno del Ballarin” (sic), annuncia radioso il sindaco nostalgico-destrorso. Più probabilmente sarà l’anno del muro rifatto (per andarci a sbattere alle prossime votazioni, ah ah ha).

        200.000 (duecentomila) euro, dicevamo. Non conveniva spenderne da Brico al massimo 200 (duecento) per coprirlo pietosamente con un telo nero impermeabile, ‘sto muro, come si fa coi cadaveri? (Facile che ci stampavano sopra un evocativo fascio littorio, ma pazienza). Avremmo avuto 199.800 euro in più da investire sul restauro del Ballarin, che anche il più risparmioso dei progetti che si sventolano costa sempre troppo per le micragnose finanze comunali.

       A proposito: perché tutti - Comune, tecnici, giornali, tifosi, anime belle - ignorano, o fanno finta, il “nostro” progetto Quelli che il Ballarin, che è piaciuto molto a Paolo Beni e Marco Lodola? Magari potrebbe piacere pure ad altri, no?
Distinti saluti.

Messico e nuvole

        *Messico e nuvole [idee terra-terra, restauri creativi e incompresi, rompicoglioni - alla Jannacci, eh - e altro]   messicoenuvole2@gmail.com


……………………………………………………………………............………………………………………

PGC - 28 dicembre 2019

Nessun commento:

Posta un commento