mercoledì 10 giugno 2015

20° Festival Ferré: l'uttiano omaggio di Pier Giorgio Camaioni, "Vingt ans"


Da una canzone di Leo Ferré nascono solo fiori, come da quelle di Fabrizio De Andrè. Poi ci sono modi e modi di raccontare venti anni di un festival prestigioso e prodigioso. Pier Giorgio Camaioni ha preso Vingt ans, mitica canzone di Leo e, sulla base delle traduzioni sparse di Giuseppe Gennari e Francesco Tranquilli, ne ha tratto una storia. Questa.

Vingts ans (*)

Solo vent'anni tra le mani
le strade piene d'auto,
protetti dagli air-bag,
gli sguardi fissi sui vetri.

L'amore è per un po',
che dura il tempo di un aperitivo,
di un jeans bucato, di una sbronza
e per il resto non importa.

Solo vent'anni in un teatro,
morto un Ferré avanti un altro...
non è vero, stiamo imparando
il Ferré usato non esiste.

La nostra gioia più ricorrente
ad ogni giugno ricomincia
e suonerà ad ogni Festival
come una sveglia accanto al letto.

Solo vent'anni tra le mani
non ci facciamo bei discorsi
che ci invecchiano i denti
che ci annoiano i ricordi.

Solo vent'anni, ma in tre giorni
come una vita in due settimane
come un bosco dentro una rosa
come una danza in un passo.

Pier Giorgio Camaioni

(*) libero saccheggio da Ferré, Gennari e Tranquilli

Lo splendido manifesto è di Sergio Staino (of course)




Nessun commento:

Posta un commento