domenica 27 aprile 2014

“Essere” oltre l’essente. Il 3 maggio l'incontro con il pensiero e le opere di Pier Paolo Ruffinengo

L’Associazione Giardini San Michele, con la collaborazione di Alchimie d’Arte e UT, propone l’incontro “Essere oltre l’essente sul pensiero e gli scritti di Padre Pier Paolo Ruffinengo, dell’Ordine Domenicano. Introdurranno Americo Marconi, medico umanista, e Giampietro De Angelis, Presidente dell’Associazione Giardini San Michele. Il professor Giuseppe Facci, filosofo, si addentrerà con competenza nella vastità dell’opera del Ruffinengo.
Padre Pier Paolo terrà una lectio humilis per rendere accessibile ad ogni ascoltatore i punti salienti del suo percorso filosofico che è sintetizzato nel sottotitolo dell’evento La via della metafisica: fatica del pensiero verso Dio.
L’appuntamento culturale si terrà sabato 3 Maggio 2014, nella sala del Centro Polivalente Caritas Diocesana in via Madonna della Pietà 111 a San Benedetto del Tronto, alle ore 17,30. L’ingresso è libero.

Pier Paolo Ruffinengo nasce da una famiglia contadina a Calosso d’Asti, tra dolci colline e vigneti, nel 1937. La mamma gli narrava di averlo trovato appena nato sotto una pianta di rosa bianca, una sera del mese di maggio. Dopo le elementari entra nel collegio dei Domenicani di Carmagnola. A sedici anni riceve il bianco abito dell’Ordine ed il suo nome di battesimo Esterino diventa Pier Paolo. Dopo il Liceo si laurea in filosofia e teologia ed è ordinato sacerdote; dunque insegna per quarant’anni metafisica in vari Studi Filosofici Domenicani.
Le sue opere ripercorrono le strade della metafisica (la scienza delle cose prime o di ciò-che-è-in-quanto-è) da Le cose, il pensiero, l’Essere del 1988, con Marietti 1820, al recente Ontonòesis (introduzione alla metafisica) del 2012, con Edizioni Studi Domenicani, dove spiega con metodo e semplicità all’amico pasticciere Pino i passaggi di tale disciplina.
Si diploma in studi islamici presso l’Institut Pontifical d’Ètudes Arabes di Roma e pubblica nel 2003 con Aquilegia Edizioni la traduzione italiana dall’arabo degli opuscoli De intellectu, de somno et visione (sull’intelletto, sul sonno e la visione) di Al-Kindi, filosofo, matematico, musicista del IX secolo.
Nel 2006 vede la luce “… a l’università di TinellaSoffrire con amore sempre con Marietti 1820. Una raccolta di poesie, lettere, ricordi, in apparenza semplice e godibile che invece pone un problema: come possono coesistere il filosofo e il poeta, la parola pensante e la parola poetante? Scorrendo le pagine, con emozione e partecipazione sempre crescenti, comprendiamo che in Esterino Pier Paolo Ruffinengo la rara e preziosa fusione di linguaggi si è felicemente compiuta.

Ed eccoci all’ultimo suo libro “Essereoltre l’essente, del 2013 con Il lavoro editoriale: un testo poderoso (circa 600 pagine, oltre 150 accurate fonti bibliografiche), una vera e propria summa philosophiae. Finalmente autore nel senso etimologico del termine (auctor -oris deriva da augēre "accrescere", perciò "chi fa crescere") ha raccolto e sistematizzato, in parecchi decenni, l’immenso materiale di questa ricerca storica-teoretica della metafisica. Da Platone a Plotino attraverso Aristotele, all’actus essendi di San Tommaso; da cui la scuola tomista classica e contemporanea, fino a proporre una rilettura dell’a priori di Kant e di Heidegger in chiave tomista. Ogni passo del grande cammino trasuda fatica e rigore, intelligenza e passione; invitando il lettore/studioso/ricercatore a mettersi sull’arduo sentiero che conduce alla soglia del Mistero dell’Essere-Sorgente ove, nel silenzio dell’ascolto che è risposta e preghiera, la metafisica diventa mistica. 

Nessun commento:

Posta un commento