venerdì 16 agosto 2013

Il suonatore di bottiglie 7 anni fa. I corsi e ricorsi storici di un osservatore non-per-caso di tutto ciò che fa cultura

L’ha mandato l’Amat di Troli? Forse è un ritardatario dei Taraf da Metropulitana, quell’aria un po‘ balcanica, che sa di musica... Primordiale e straordinario il suo “strumento”, un calcolatissimo ma leggero traliccio di ferro su ruote di bicicletta, con tanti fili: lui al posto di comando tipo Barone Rosso. Non fosse per le trenta bottiglie appese agli spaghi, l’attrezzo parrebbe un
disegno di Leonardo, o un Bleriot della prima trasvolata della Manica, ma senza ali di pezza. Bottiglie comuni da un litro o meno, dentro acqua ( direi vino, per “cosa” producono ). Spicca in alto il gruppetto delle tre azzurre diesis. Ad arco, su due quote, le altre: verdi marrone bianche, tre piccole - ancora con etichetta - ex birra Tuborg. Intonate cromaticamente. Lui le “suona” con martelletti di legno, di diverso tipo e misura, che sceglie come un chirurgo. Completano la dotazione un lettorino cd a pile, due casse di plastica Tuborg portabottiglie, zainetto, sacchetto arancio cercasoldi proteso a prua. “Basi” classiche, musica '700 e ‘800. Non tutto orecchiabile. Musica alta, alata, difficiletta, ogni tanto qualcosa di più facile. Lui suona seduto roteando braccia come mulino, o accarezzando. Concentrato, lo sguardo gli si ferma al metro. Bermuda e sandali, ma certo professionista d’alta scuola. Competentissimo, raffinato, tranquillo, sempre l’inchino. Brani ben arrangiati di due-tre minuti, intervallati da dieci secondi, l’applauso dura otto. Concerto di un’ora. Gratis. Luogo ed orario dello spettacolo variabili. Ma nell'isola pedonale alle 18 - per certe godurie l’ora giusta in tutt'Europa meno che in Italia - sceglie il posto più “artistico”: tra la meridiana a terra e il filare di alberelli d’oleandro che diventeranno palme, con Ubu la scultura di Baj con le mani alzate - sublime quinta senza palcoscenico.
Ogni pezzo un calmo trionfo. Di bambini in passeggino, di ragazzini provvisoriamente non schizzati, di giovani, di mamme, di anziani. Spettacolo le facce : non tutti capiscono musica (quella), ma ascoltano rapiti in ricreazione mentale, quasi commossi.
Minuti in arrampicata verso qualche paradiso”, e capisci finalmente perché “i mibemolli sono blu” (Debussy), anche se corrispondono a due bottiglie marrone mezze vuote ...
Vorresti fotografarlo, filmarlo, intervistarlo. A lui non piace. Se qualcuno che non lo sa lo fa, lui smette - si alza - sorride strano - aspetta quattro secondi il tempo che quello si penta, e riprende riagganciando la base. Meglio di prima. Motore di musica.
Chi è? Celebre concertista in incognito nel suo anno sabbatico? Da dove viene? Da qualche civiltà sperduta? Forse da Elbonia? Dove andrà? Forse è già partito? Misteri. Ma grazie. Suonatore di Bottiglie.


Pier Giorgio Camaioni

Nessun commento:

Posta un commento