domenica 11 agosto 2013

-70% (2). Libreria Mondadori: giustizia è fatta. Sì, col microscopio

Proprio vero, da queste parti: basta che l’ultimo dei sudditi denunci ai sovrani una piccola anomalia, che quelli prontamente intervengono e ristabiliscono l’ordine. L’ingiustizia viene sanata alla fonte. Chiunque sia il trasgressore, non si guarda in faccia a nessuno. Così quel timoroso suddito si sente compreso e utile, non un semplice gregario da spennare, non un numero, o peggio un votante. Quando 6 giorni fa scrivevo che la titanica MONDADORI, con quella aggressiva moltitudine di cartelli -70% che foderavano esterno e interno del negozio, poteva involontariamente ingannare i clienti, perchè la monnezza oggetto di quel fantastico ribasso giaceva solo nei suoi paurosi sotterranei senza finestre, francamente non credevo che mi dessero retta. Invece è successo!
Però adesso quasi mi sento in colpa, per le indagini che ho scatenato, qua sono più efficienti della CIA, altrochè! Astuti vigili in borghese mandati non a multar macchine in sosta ma a far finta di comprar libri; finanzieri in bermuda che fanno strane domande su Dante; carabinieri che pattugliano scaffali e corridoi della libreria con enormi calcolatrici sotto braccio; poliziotti-di-quartiere che fotografano manifesti tutti uguali… cheese…; consiglieri e assessori che leggono libri interi, in piedi fino ai crampi, quando basterebbe guardarne il prezzo; il tutto - ma questo solo lo immagino - mentre una folla scandalizzata inviperita e volgare lancia libri (non scontati), e giornalisti accucciati sui tablet scrivono, scrivono, scrivono…
Ma è davvero andata così, dicevo: la furbata, alla MONDADORI è costata una sorta di processo, e l’ha perso. E non sono ammessi ricorsi, neanche in Cassazione, qua da noi la giustizia è una cosa seria. Assoluto rigore, dunque: sono stati obbligati a “correggere”, e l’hanno fatto applicando a qualcuno dei manifesti incriminati una minuscola pecetta al centro in basso, che recita (più o meno, v.foto): “Vasto assortimento al piano -1”.
MONDADORI ha dovuto piegarsi ed eseguire. Urrà! Vittoria! Esiste una giustizia finalmente! disse il povero Renzo…
Ora che giustizia è fatta, siamo tutti felici? Mmmm… Io, un microscopio giocattolo che mi portò la Befana del ’56 ce l’ho ancora; per cui, riesumatolo, ho potuto portarmelo con la bici fin sotto le vetrine e leggerlo il rettangolino bianco scritto piccolo piccolo piccolo piccolo. Ma chi il microscopio non ce l’ha?Mi dicono anche di una multona di qualche migliaio di euro (!) che atterrirebbe qualsiasi meschinello come me procurandogli pacchi di raccomandate di Equi-taglia. Eh, eh, gli farà tico-tico a MONDADORI.. Diceva nonna Gigia: che je fa lu fùm a lu cammi’?

Pier Giorgio Camaioni


Nessun commento:

Posta un commento