giovedì 13 agosto 2020

“Questo non è un cappello”


[MAGRITTE a Ripatransone]

      Quest’evento si son dimenticati di sbandierarlo, ma l’inafferrabile Magritte è con noi. Tutti già lo ammirano con sguardi interrogativi e lieti, da circa una settimana si è insediato proprio all’ingresso del Duomo, su un basso alberello senza storia. Dati i tempi, invece della elegantissima bombetta, ha però adoperato un più disinvolto cappello “estivo”, forse made in Italy (in quel di Montappone), o forse in China…


      I visitatori, a frotte, fanno mille congetture. Di chi sarà mai?...

-         di un turista frastornato dalle bellezze di Ripa?

-         di un fedele convinto, confusosi nell’indossare la mascherina?

-         di un infedele pentito?

-         di un contadino alla ricerca del Museo della Civiltà Contadina?

-         di un “passeggiatore solitario” in vena di surrealismo?

-         di un enigmatico pensatore che voleva grattarsi la testa in libertà?

-         di un malinconico cliente del Bar Centrale che cercava un bistrot?

-         di un poeta-filosofo stregato dai tramonti di Ripa dietro al Duomo?

-         di un disperato candidato alla Regione entrato a pregare?

-         o è solo il “cappello di paglia di Firenze” di Narciso Parigi*?

      Mistero. Però l’alberello sotto al cappello sorride, sta diventando famoso…


      Mentre Ripa, con i suoi musei quasi sempre chiusi, è come se si ritrovasse gratis un museo all’aperto sempre aperto, con un unico pezzo pregiato, un simil-Magritte!  Un gustoso paradosso (surrealista) da diventar famosi.


Pensaci parroco, prima di mandare il “nostro” cappello all’Ufficio Oggetti Smarriti.


* https://www.youtube.com/watch?v=qnResR5gaGA&list=RDz37BWHSqJjA&index=2%20%3Chttps://www.youtube.com/watch?v=qnResR5gaGA&list=RDz37BWHSqJjA&index=2%3E

PGC - 13 agosto 2020


Nessun commento:

Posta un commento