mercoledì 21 marzo 2018

"In memoria del direttore Consorti" di Marco Iaconetti

Gentile Francesco, cara redazione di UT,

questo articolo è stato scritto per la rivista IRS - HERITAGE del Governo azero, con cui collaboro.
Appena arrivato il cartaceo e ritirato in ambasciata, mi ero fatto dare una copia in più per consegnarlo al direttore Massimo, per renderlo orgoglioso del mio operato, dato che ha avuto sempre fiducia in me, tanto che mi ha lasciato sempre libero nei soggetti da me proposti.

Mi aveva insegnato l'arte della scrittura, dicendomi sempre che gli articoli devono essere un vortice di emozioni, sottolineandomi:
"Marco quando parli di un luogo descrivi le strade, i colori della campagna, la gente che incontri e i loro volti, il tuo rapporto con loro, anche il panino che mangi, altrimenti invece del patentino ti faccio fare la guida turistica".

Ci eravamo scritti qualche giorno prima della terribile notizia e mi aveva detto che ci saremmo rivisti a breve insieme a Emanuela.

Questo mi fa più amarezza, volevo dare il giornale a Veronica, ma non ci sono riuscito, mi sembrava fuori luogo.

Questo pezzo se pur indirettamente era dedicato a quello che rimarrà per sempre il mio direttore, la faccia genuina del giornalismo, che oggigiorno ha ceduto il posto a tanti influencer, blogger e politici che sono solo dei vanitosi persi tre le spire di un Like.

Ti allego il link.

Grazie di tutto Francesco




Nessun commento:

Posta un commento