martedì 26 agosto 2014

Paolo Angeli a Giulianova. Un satiro sardo a due passi dal mare

Il satiro danzante ha chiuso un concerto straordinario, un bis (ma non di più) concesso in una serata che ha regalato al pubblico di Giulianova (TE) un Paolo Angeli in forma strepitosa, nonostante un tour estivo faticoso e la crisi di fame che lo ha torturato la sera precedente facendolo boccheggiare. Lo avevamo ascoltato a Grottammare più di un anno fa grazie a “quelli” di Note di Colore, che riescono a proporre sempre eventi piccoli quanto straordinari e di grande qualità. Ieri sera, sarà stato il mare (a destra), i pescherecci alle spalle, l'odore di salsedine e l'aria tipica di un molo portuale, ma la location giuliese ha caricato il chitarrista sardo come non ci saremmo mai aspettati. Angeli era felice di suonare e di dialogare con gli spettatori raccontando aneddoti sulla sua terra, compreso quello incantevole dell'incontro sulla spiaggia con Peter Gabriel. Così, fra un aneddoto e un brano, la serata è corsa via veloce, impregnata com'era delle note a cascata di un chitarrista che abbiamo finalmente scoperto in tutta la sua pregevole tecnica.
“Io odio la chitarra – ha detto Paolo Angeli – infatti volevo suonare il violoncello ma non avevo i soldi per acquistarne uno. Poi volevo diventare un batterista, ma era troppo complicato suonare con i barattoli, così ho portato tutte le mie passioni nella chitarra “baritono” sarda (accordata una quinta sotto), che è diventato uno strumento a se stante”. E quanto sia a “se stante” la sua chitarra, lo abbiamo capito quando ha eseguito Tra una gamba e l'altra, che non ha nulla a che vedere con i film pecorecci degli anni '70 ma al suo strumento che, grazie al piedino del violoncello, tiene saldamente ancorato fra le gambe. Da questa posizione parte per i suoi virtuosismi, per accordi che sanno di musica balcanica e araba e che se avessero un manico curvo, porterebbero dritti anche ai quarti di tono. Nella musica di Paolo Angeli c'è tutto il Mediterraneo possibile, roba da world music, ascoltate Mascheratu per capire cosa intendiamo. Sconvolgente è seguire i salti di ritmo, di toni e di sonorità che contraddistinguono le sue composizioni. Ed è affascinante lasciarsi andare sulle onde delle emozioni che solo un cuore grande e caldo, con una passione innata per il mare, riescono a procurare a chi ascolta con mente aperta e intelligenza pronta a rompere ogni possibile schema. Se proprio un appunto possiamo muovere ad Angeli, riguarda qualche pausa di troppo nelle improvvisazioni, ma le fa anche Keith Jarrett, che appunto sarebbe?


Massimo Consorti

Nessun commento:

Posta un commento