giovedì 14 dicembre 2017

“Il Graffio”. Quando un giornale apre, si respira profumo di libertà



Spesso, anche da queste colonne, abbiamo pianto lacrime amare per la chiusura di un giornale vissuta come lutto, personale. Siamo convinti da sempre che la pluralità dell'informazione sia il sale della democrazia, la base per il rispetto di tutte le idee e di tutti i pensieri. Quando per ragioni economiche, o peggio politiche, un organo di informazione chiude, una delle voci che contraddistingue il nostro modo di essere cittadini, e non solo consumatori, si spegne inesorabilmente. E resta l'amarezza per ciò che avrebbe potuto essere o rappresentare in uno stato che vuole, indefessamente, considerarsi democratico.
Domani, invece, un organo di informazione nuovo di zecca si affaccia sulla scena giornalistica non solo locale, perché “Il Graffio”, diretto dalla redattrice di UT Rosita Spinozzi, va oltre.
Il Graffio punta, ascoltata la direttrice, su una informazione di qualità. Oggi, spesso, la fretta ci impedisce perfino di rileggere ciò che abbiamo scritto con conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti: la lingua italiana è diventata un optional e ci rifugiamo dietro al concetto di “refuso” anche quando si tratta di madornali errori grammaticali o sintattici. C'è poi un uso distorto delle parole perché, sempre a causa della fretta, non ne conosciamo il significato e branchia e branca diventano suppergiù la stessa cosa come se i pesci diventassero all'improvviso scienziati.
Ma l'informazione di qualità non è solo quella ben scritta. È decisamente quella pensata, soppesata, verificata e solo poi scritta, corretta e pubblicata.
Riprendendo il vecchio concetto anglosassone dell'informazione, quelli del Graffio si sono resi conto che secondo il comune sentire non c'è alcuna differenza fra un fatto e una notizia, che basta riempire le pagine di corbellerie e il lettore sarà felice come una Pasqua a Natale, che basta una foto accattivante per rendere appetibile un articolo.
L'altra scommessa del Graffio, che nasce con qualche uttiano dentro, è quella di puntare su una informazione che sia parte integrante della vita delle persone, una sorta di giornalismo inteso come “servizio” del quale si sente oggettivamente una gran mancanza.
Domani pomeriggio, dalle 17 alle 20, in via Legnago 60 a San Benedetto del Tronto, il Graffio sarà aperto a tutti regalando un brindisi, un sorriso e un impegno: quello di fare del buon giornalismo per non annegare fra i marosi del qualunquismo d'accatto.


Massimo Consorti

Nessun commento:

Posta un commento